.
Annunci online

uad
l' Uomo che Ama le Donne


Diario


4 marzo 2016

SN 1987a

Espulso da una nube di Magellano
attraverso un lungo ponte di idrogeno neutro
incolore, inodore, insapore
vago
nella confusione del vuoto


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. vuoto confusione

permalink | inviato da uad il 4/3/2016 alle 22:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


15 gennaio 2007

Nostalgia

della mia terra...
delle mie Donne...
di me...
come fotoni nel cono di luce 
ricordi diventano stelle in questo freddo cielo notturno.




permalink | inviato da il 15/1/2007 alle 18:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (19) | Versione per la stampa


28 luglio 2006

Due foto del lago (Un raggio di luce)

Due foto del lago…

due metafore della vita…

la prima mostra un’ ampia distesa d’acqua…a volte limpida…a volte torbida…

si scorgono approdi temporanei che possono diventare ostacoli e far male…

boe alle quali naufraghi aggrapparsi…

si finisce con un pontile mediante il quale si possono raggiungere le sponde del lago…

la terra…passaggio verso un’altra dimensione

si vede distinto il sole…

che è luce…che diventa tangibile quando si riflette nell’acqua…diventando un raggio di luce…

la prima foto è metafora di una vita bella

la seconda mostra un’ ampia distesa d’acqua a volte limpida…a volte torbida…

si scorgono approdi temporanei che possono diventare ostacoli e far male …

boe alle quali naufraghi aggrapparsi…

si finisce con un pontile mediante il quale si possono raggiungere le sponde del lago…

la terra…passaggio verso un’altra dimensione

si vede distinto il sole…

che è luce…che diventa tangibile quando si riflette nell’acqua…diventando un raggio di luce…

la seconda foto è metafora di una vita veramente vissuta

perché si intravedono due cigni che, vicini, stanno per attraversare insieme il raggio di luce.




permalink | inviato da il 28/7/2006 alle 11:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (23) | Versione per la stampa


24 luglio 2006

Come Rán (Valeria)

Caldo sorriso su neve metallica…

per una mia indifferenza solo etica…

soffice come neve il tuo corpo…

occhi e capelli geneticamente figli di terre vichinghe…

Come Rán raccogli un annegato…

ma non puoi portarlo presso una dimora che non ha…

un bacio in uno spazio intermedio di un sistema solare…

l’acqua di un ruscello non spegne il fuoco di una deflagrazione…

mani di fuoco nel tuo fuoco…

una bocca di fuoco sul mio fuoco…

le tue unghie solcano il mio corpo…

Il corpo di un uomo unito a quello di una donna…

proiezione astrale di due fanciulli che si tengono per mano…

hai ottenuto quello che volevi?




permalink | inviato da il 24/7/2006 alle 19:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (30) | Versione per la stampa


17 luglio 2006

Il cuscino (Quando la solitudine è dolce)

Nelle notti in cui mi sento solo abbraccio il cuscino…

lo metto lungo, al mio fianco a riempire il letto, come fosse una Donna…

non è una Donna qualsiasi, ma la prossima che passerà una notte accanto a me…

forse perché un suo sguardo ha già svelato il desiderio di dormire accanto a me…

la mia solitudine è dolce in quelle notti…

l’oscurità mi culla fino a quando un raggio di luce si posa sui miei occhi…

cerca invano di accendere in me la visione reale dell'universo…

anche da sveglio continuo ad immaginarla cercando impronte, odori e sapori…

ridestato in maniera definitiva riscopro il piacere di un desiderio oniricamente svelato…

un brivido scorre lungo la schiena, mentre una soffice piuma accarezza la mia bocca…

suona la sveglia…

ed io restituisco al cuscino la sua ordinaria utilità.




permalink | inviato da il 17/7/2006 alle 17:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (87) | Versione per la stampa


3 luglio 2006

Graffiami (Il felino che c’è in ogni Donna)

Sei solare in quanto luminosa

Sei lunare in quanto misteriosa

Sei calda ma non afosa

Sei fresca ma non fredda

Disegna

il tuo sguardo sui miei occhi

Guarda

nei miei occhi il tuo mondo

Scolpisci

il tuo sorriso sul mio

Riempi

la mia bocca dei tuoi sapori

Impregnami

dei tuoi odori

Graffiami

marchia il mio corpo come un felino

Lasciando

che la salsedine bruci la mia pelle

Accendendo

il mio fuoco nelle profondità del mare.




permalink | inviato da il 3/7/2006 alle 15:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (32) | Versione per la stampa


29 giugno 2006

Architettura Divina

"Le gambe delle donne sono dei compassi che misurano il globo terrestre in tutte le direzioni, donandogli il suo equilibrio e la sua armonia"...




permalink | inviato da il 29/6/2006 alle 13:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (22) | Versione per la stampa


23 giugno 2006

Il Ponte (piacevolmente insensibile)

Lascio indietro i miei compagni di viaggio…tre donne e un uomo…

come nella mia vita lascio dietro tante femmine, pochissime Donne, un solo vero amico…

devo attraversare un ponte…

nell’attraversarlo mi fermo a metà…voglio provare a vedere la mia immagine riflessa nell’acqua…

voglio sentire l’odore del mare…

con me sul ponte in tenere effusioni una coppia di vecchietti…

i fisici visibilmente provati dalla vita…intatta la loro reciproca passione…

forse ricordano il loro primo viaggio qui, in una città sospesa ed incantata…

una frotta di turiste svedesi irrompe nel paesaggio…ridono…ballano…giocano con dei fiori…

una di loro mi guarda e sorride…si avvicina e mi regala una rosa…

ha gli occhi di ghiaccio ma un corpo di fuoco…una valchiria dei giorni nostri…

una foto…un breve dialogo…una proposta…io rifiuto…

qui sto bene…sto così bene adesso…sul ponte mi sento piacevolmente insensibile…

forse perché un ponte è un punto di passaggio, sai da dove vieni non sai dove stai andando…

è bello sentirsi per qualche istante piacevolmente insensibile…

rimango di nuovo solo con la mia coppia…

levo un petalo dalla rosa…lo lascio cadere nell’acqua…plana…soffice si posa…

è per me un messaggio in una bottiglia…

la coppia abbracciata mi guarda e sorride teneramente al mio gesto…dono loro la rosa…

apparentemente solo un gesto gentile…

in realtà è un bocciolo del mio cuore donato come tributo all’amore eterno.




permalink | inviato da il 23/6/2006 alle 12:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa


14 giugno 2006

Prologo/2

Tutto inizia quando si decide di azzerare tutto. Il moto inizia come percezione cerebrale quando si è fermi e si sta per ripartire. Non è facile avere il coraggio di fermarsi. L'inerzia tende a farci andare avanti lungo la china intrapresa. Quando non c'è più la forza dell'animo ma quella dell'abitudine è un dovere verso la vita fermarsi. Mi sono fermato...racconterò della ripartenza, del moto e di una vorticosa bottiglia di Klein immersa a “figura 8” che mi ha fatto tornare lì, da dove ero venuto, però da uno spazio diverso.




permalink | inviato da il 14/6/2006 alle 16:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


9 giugno 2006

Prologo

…..integerrimo nel lavoro, guadagna il proprio pane basandosi sulla razionalità essendo dotato di una spiccata intelligenza. E’ attratto dall’incomprensibile, che associa in maniera spontanea alle Donne, avendo ispezionato e compreso il mondo criptato dalla matematica delle leggi della natura. L’Uomo che Ama le Donne per quanto affronti e risolva con la ragione i propri problemi pratici quotidiani, sin da fanciullo è stato guidato nei rapporti interpersonali dalle pulsioni dell’anima. Pian piano maturando ha capito di avere una passione sviscerata che sconfina verso l’adorazione del genere femminile. Questo blog, probabilmente, è solo il diario di un uomo qualunque…anzi di un uomo qualunque no…solo di un Uomo che Ama le Donne.




permalink | inviato da il 9/6/2006 alle 18:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia     gennaio       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Le Donne di UAD
Frammenti di sensazioni

VAI A VEDERE

ValMadlene
LaboratorioAlchemico


CERCA